lunedì 4 novembre 2013

Traduttori traditori

Non so voi, ma io, quando leggo un libro, vado sempre a guardare com'è il titolo originale, per scoprire come e quanto l'hanno strapazzato nella traduzione.
Lo so che a volte i titoli tradotti non rendono, non si capiscono, non hanno più il significato originale (per dirvene uno, Il giovane Holden. La traduzione letterale in italiano non aveva senso, ma almeno hanno messo nel titolo il nome del protagonista), però ci sono dei libri con dei titoli che, quando arrivi alla fine, ti dici: "beh, e questo titolo da dove salta fuori?".
Così pensavo che, per farci qualche risata, potrei ogni tanto (compatibilmente con le scemenze che trovo) parlarvene qua, con la trama e tutto, tipo minirecensione, per confutare il titolo e far ronzare le orecchie dei traduttori.

Il primo della lista è il libro che ho finito di leggere stanotte (ma che cosa strana, io che finisco i libri di notte? Ma quando mai?), ossia Una luna magica a New York di Suzanne Palmieri. Titolo originale: The witch of Little Italy (letteralmente: La strega di Little Italy).
Converrete con me che è inutile togliere la strega dal titolo se poi nel libro c'è. Anzi, per essere precisi ce ne sono tre, non solo una. E converrete anche che, se si parla di streghe, non è esattamente la luna ad essere magica.
Attenzione: anticipazioni sulla trama.
Eleanor, studentessa di Yale, incinta, con un fidanzato che la picchia e una madre che a quanto pare non le ha mai voluto bene davvero, se ne va dal campus per tornare a New York, a casa della nonna e delle due prozie, perché sente come una voce nella sua testa che le dice "torna a casa". Anzi, neanche a New York, nel Bronx. Non si parla di New York. Le tre vecchie signore hanno dei nomi strani, la nonna si chiama Mimi e le altre due Itsy e Fee. Itsy ha perso la voce e Fee è sorda come una campana dal "Giorno che morirono gli Amore" nel lontano 1945. Gli Amore sono la loro famiglia, o almeno quello che ne resta. Gli Amore hanno la Vista, ossia la capacità di prevedere il futuro. Ce l'ha anche Eleanor, anche se non lo ricorda per via di un incantesimo fattole molti anni prima dalla zia Itsy.
Così Eleanor torna "a casa" e, giorno dopo giorno, inizia a ricordare e a capire che gli Amore rimasti hanno qualche scheletro nell'armadio, probabilmente lei compresa...

Due stelle per il titolo, che sarà anche romantico, e che ci sta bene con la copertina, ma che non mi ha detto niente.

2 commenti:

  1. queste traduzioni del cazzo le fanno generalmente per motivi culturali o traduttivi. In Italiano la "strega" ha prevalentemente un significato negativo, quindi avrebbe potuto dare una interpretazione sbagliata. A questo punto si sarebbe potuto andare per "magia a Little Italy" ma secondo me volevano richiamare un po' "Stregata dalla Luna" http://it.wikipedia.org/wiki/Stregata_dalla_luna e un po' allargare il possibile pool di lettori agganciando le ragazzine appassionate di New York.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo genere di cose non m piace per niente.

      Elimina